Una Guida Del Primo Timer A Patan-Lalitpur, In Nepal

Sommario:

Una Guida Del Primo Timer A Patan-Lalitpur, In Nepal
Una Guida Del Primo Timer A Patan-Lalitpur, In Nepal

Video: Una Guida Del Primo Timer A Patan-Lalitpur, In Nepal

Video: Una Guida Del Primo Timer A Patan-Lalitpur, In Nepal
Video: EXPLORING PATAN. Nepal 2020 2023, Settembre
Anonim

Mentre il frenetico caos di Kathmandu si estende e brulica attraverso il fiume Bagmati a nord, Patan - o Lalitpur come è anche noto - rimane nei modi che ha sempre: più pacificamente, più silenziosamente e con un'inclinazione verso il considerato e l'arte. Non è un caso che il buddismo abbia da tempo esercitato una forte presa sulla città: le enclavi buddiste in Nepal, come in tutta l'Asia meridionale, sono spesso caratterizzate da una serenità che sfugge al loro ambiente più ampio e più indù.

Patan-Lalitpur è stata a lungo una città-stato indipendente a sé stante, e conserva un'identità distinta fino ai giorni nostri. Nel cuore, questa è una città artistica e il nome Lalitpur - "Città della bellezza" - è pienamente meritato. Questa è la fonte di gran parte della celebre lavorazione dei metalli per cui il Nepal è famoso, e l'architettura - tutti i sontuosi templi e grandi palazzi - è tra le più belle dell'intero paese. Parti della città sono state gravemente danneggiate dal terremoto del 2015, anche se nel complesso è fuggito leggermente rispetto al suo vicino, Kathmandu.

Stai programmando un viaggio in Nepal? Possiamo aiutare! Il nostro nuovo servizio di viaggio su misura ti abbinerà a un esperto locale che progetterà per te un viaggio completamente personalizzato

Arrivare e muoversi a Patan-Lalitpur

La vicinanza di Patan-Lalitpur a Kathmandu significa che è uno dei luoghi più facili da esplorare in Nepal fuori dalla capitale. In effetti, camminare da Durbar Square a Kathmandu al suo omonimo a Patan richiede solo un'ora, quindi è facile fare una gita di un giorno. Lasciati andare per qualche giorno, e sarai ricompensato dalla ricchezza della città di ricchezze storiche e culturali.

Patan Durbur Square: Krishna Mandir Hindu Temple
Patan Durbur Square: Krishna Mandir Hindu Temple

Tempio indù di Krishna Mandir nella piazza Durbar di Patan

Cosa vedere e fare in Piazza Durbar

La tua esplorazione di Patan-Lalitpur probabilmente inizierà e terminerà in Durbar Square, l'epicentro storico della città. Come le altre due piazze di Durbar nella valle di Kathmandu - a Kathmandu stessa e a Bhaktapur - la piazza è patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Non è difficile capire perché; gli edifici secolari qui hanno subito incendi, terremoti e orde invadenti per rimanere in piedi come i migliori esempi di architettura di Newari che si possano trovare ovunque. Sul lato est della piazza si trova l'imponente antico palazzo reale, che risale alla fine del 1600. Con i suoi muri di mattoni rossi, i padiglioni sul tetto a più livelli e le finestre retinate, il palazzo è un brillante esempio di architettura tradizionale nepalese. Al suo interno si trova un santuario di Lakshmi, la dea indù della ricchezza e della buona fortuna, mentre al suo interno è possibile scorgere intricati kinkinimali, piccole foglie di latta che fungono da illustrazione dell'illustre patrimonio metallico della città.

Dirigiti verso l'ala nord del palazzo per trovare il Museo Patan, dedicato all'arte religiosa del Nepal. Le mostre includono centinaia di sculture buddiste e indù di diversi secoli. A sud del museo si trova Mul Chowk, sede della famiglia reale di Patan fino al 1769, quando la città fu conquistata dal re Gorkhali Prithvi Narayan Shah.

Questa campagna è stata una pietra miliare nell'unificazione del Nepal, che ha resistito per secoli all'invasione o alla colonizzazione - non è un'impresa da poco, considerando che è un piccolo paese stretto tra i juggernaut dell'India e della Cina (anche se l'Himalaya aiuta, ovviamente). Perfino l'impero britannico fu fermato sulle sue tracce; così feroci furono i soldati Gorkhali durante la guerra anglo-nepalese del 1814-16 che la Compagnia delle Indie Orientali decise di riappropriarne alcuni, una tradizione che vive nelle moderne unità dell'esercito britannico di soldati Gurkha.

Tempio di Narsingha a Durbar Sqaure a Patan
Tempio di Narsingha a Durbar Sqaure a Patan

Tempio di Narsingha in piazza Durbar, Patan

Durbar Square ospita anche alcuni dei più bei e ornati ornamenti religiosi del Nepal. Due leoni di pietra, circondati da vivaci murali di Shiva, sorvegliano silenziosamente l'ingresso di Mul Chowk; oltre, nell'angolo nord-est del cortile, c'è una porta dorata fiancheggiata da statue di Ganga e Jamuna, personificazioni di due dei più potenti fiumi dell'India. Sundari Chowk è uno splendido cortile con pilastri, finestre e porte in legno riccamente intagliati, disposti attorno a un serbatoio d'acqua affondato le cui 72 nicchie sono piene di statue di divinità e divinità indù.

Gran parte dei lavori di costruzione più sgargianti di Patan-Lalitpur fu supervisionato dai re Malla, di cui uno, il re Yoganarendra (r.1684–1705) è commemorato con una statua nell'Hari Shankar Mandir sul bordo occidentale di Durbar Square. Fedele alla forma, è una costruzione stravagante: il re siede con le mani giunte in preghiera, mentre un enorme cobra si impenna dietro di lui - si pensava che il naga (divinità serpente) portasse piogge vivificanti nella valle di Kathmandu.

Sulla testa del cobra siede un uccellino. Si dice che quando il re rinunciò alle trappole della regalità per diventare un santo dopo la morte prematura di suo figlio, proclamò che fintanto che l'uccello era ancora lì, era vivo e poteva ancora tornare al suo trono. Fino ad oggi, un letto è tenuto pronto per lui nel palazzo.

Oltre piazza Durbar

Mentre la maggior parte delle attrazioni principali di Patan-Lalitpur si trovano in Piazza Durbar, forse il gioiello nella sua corona - il Tempio d'oro - si trova appena a nord. Conosciuto anche come Kwa Bahal e Hiranyavarna Mahavihara, questo monastero buddista prende il nome inglese dalla splendida lavorazione dei metalli dorati che adorna la sua facciata, decorata con le immagini del Buddha e di Tara, il bodhisattva femminile per eccellenza. Il monastero è attivo dal 12 ° secolo e conserva molte delle sue antiche tradizioni fino ai nostri giorni. Il capo sacerdote, per esempio, è un ragazzo di 12 anni che tiene l'ufficio per un mese prima di passarlo a uno dei suoi contemporanei. La leggenda narra che il fondatore del tempio, il re Bhaskardev, sognava che il tempio dovesse essere costruito in un luogo in cui i topi inseguono i gatti - a beneficio della popolazione di topi della città moderna, che consumano volentieri le offerte lasciate per loro intorno al tempio. Osserva anche i tuoi piedi per le tartarughe residenti, che hanno anche il permesso di correre nel luogo - questa volta in omaggio a Kurma, l'equivalente vedico della mitica "tartaruga cosmica" che porta il mondo sulla schiena.

Patan al tramonto nella valle di Kathmandu, Nepal
Patan al tramonto nella valle di Kathmandu, Nepal

Patan al tramonto

Patan-Lalitpur può essere facilmente esplorato da Kathmandu, ma premia i soggiorni prolungati ed è un posto così tranquillo e attraente che basarsi su di te è un'opzione allettante. Ci sono alcuni splendidi boutique hotel nel cuore storico della città e alcuni ristoranti suggestivi ospitati in vecchi edifici. Questo è un buon posto per assaggiare la ricca cucina newari; prova la choyila (carne di bufalo a cubetti, speziata e fritta con verdure) o, se ti senti avventuroso, la swanpuka (polmoni di capra ripieni di pastella piccante e fritti). Non perdere l'occasione di ritirare un souvenir. Al Centro per l'artigianato di Jawalakhel, i rifugiati tibetani tessono a mano bellissimi tappeti dalla lana delle pecore tibetane dell'altopiano - il ricordo perfetto del tuo tempo in questa città di artigiani.

Raccomandato: